top of page

Risultati di ricerca

65 elementi trovati per ""

Post sul blog (53)

  • SU Il Tirreno: LA NOSTRA RISPOSTA A TORNAR

    . Leggiamo su IlTirreno, con un certo stupore, l’intervista a Daniele Tornar, consigliere comunale appena fuoriuscito dal gruppo PD. Tornar sembra avere una vera “ossessione” per il M5S di Livorno e per Stella Sorgente in particolare, avendola nominata per ben 3 volte nel rispondere alle domande di Juna Goti. Vorremmo rassicurarlo dicendo intanto che siamo pienamente d’accordo con lui nell’affermare che l’ospedale di Livorno non possa essere svuotato, in questo caso rischiando di perdere la nefrologia. Vogliamo tranquillizzarlo anche sul fatto che credo nessuno di noi si aspetti che d’ora in avanti lui “voti come il M5S Livorno” o “voti come la Sorgente”, né che tantomeno “si schieri con il M5S Livorno” o “si schieri con Sorgente”. Concordiamo invece con Tornar sul fatto che questa amministrazione dovesse impegnarsi di più sulla sanità e che il sindaco dovrebbe farsi consigliare da chi ne sa più di lui. Per quanto ci riguarda, avevamo suggerito che Salvetti cedesse quantomeno la delega all’assessore Raspanti, per ragioni di coerenza con le sue deleghe e per maggiore possibilità di dedicarsi a questo importante settore rispetto al sindaco. Purtroppo l’amministrazione sembra invece occuparsi più del contenitore che del contenuto sanitario del futuro ospedale. Ciò non significa che il M5S Livorno non voglia un nuovo ospedale: lo vorremmo però nel perimetro di Viale Alfieri, come era previsto in precedenza, senza sconvolgimenti urbanistici, sprechi e ulteriore consumo di suolo. Abbiamo apprezzato la conduzione delle commissioni sanità da parte di Tornar e lo ringraziamo per il lavoro che ha svolto in quella veste. Ricordiamo che alcuni dei primari convocati avevano espresso pareri favorevoli sul progetto per il nuovo ospedale nel Parterre, ma richiedendo con forza un maggiore impegno da parte di tutte le compagini politiche per evitare che la sanità livornese (e in particolare il nostro ospedale) divenisse una realtà ancillare e secondaria rispetto ad altri ospedali toscani. Dovremmo quindi dare seguito agli impegni che ci eravamo presi in quella commissione di diversi mesi fa e presenteremo quanto prima il testo di un atto da condividere (con il consigliere Tornar, ma non solo) sulle questioni sollevate dai primari, ma anche sugli altri temi molto preoccupanti finiti recentemente sulla stampa. Occorre infine rassicurare il consigliere Tornar anche su quello che lui definirebbe essere un nostro “odio verso il PD”. Il M5S Livorno non odia niente e nessuno. Ci limitiamo a criticare (spesso duramente) alcuni atteggiamenti che il partito democratico tiene in consiglio comunale e non solo: atteggiamenti e modalità di fare politica chiusi e autoreferenziali che, a nostro parere, sono forse gli stessi che hanno spinto Tornar a lasciare il suo gruppo. Ad esempio, impedendogli di parlare nell’ultimo consiglio comunale quando si discuteva del “cubone”. Una scelta da parte del segretario Pd Federico Mirabelli che pure a noi era sembrata incomprensibile e ingiusta.

  • LIVORNO È LA CITTÀ PIÙ TARTASSATA IN TOSCANA

    Il Comune di Livorno ha il record di città che più carica di tasse le aziende artigiane e le piccole/medie imprese in Toscana e, nella classifica nazionale, è al n.110 su 114 comuni (anno 2022, fonte CNA). Il giorno in cui l’imprenditore smette di lavorare per pagare le tasse, scatta a Livorno il 24 luglio, 15 giorni dopo la media regionale. Dal 25 luglio in poi, potrà destinare il reddito d’impresa alle proprie e alle esigenze della famiglia. Livorno era al 73° posto nel 2019 (amministrazione M5S), si trova al 110° nel 2022 (amministrazione PD, Futuro!, Casa Livorno, Articolo Uno). Chi glielo va a dire all’Assessora PD Viola Ferroni-ZIA PAPERONA che raccontava la favola della “Tari più bassa di sempre”? È inaccettabile che l’amministrazione Salvetti-PD-Futuro!-Casa Livorno-Articolo Uno sia incapace di abbassare la Tari e di spegnere l’inceneritore, con AAMPS fuori dal concordato, come previsto in epoca M5S. Presenteremo una mozione per promuovere un tavolo permanente fra le associazioni di categoria e comune sul monitoraggio della Tari e sulla pressione fiscale in generale. Per ulteriori informazioni https://www.taxfreeday.it/classifica/

  • 17 MAGGIO- GIORNATA MONDIALE CONTRO L’OMO-LESBO-BI-TRANSFOBIA

    Oggi si celebra la Giornata internazionale contro l’omolesbobitransfobia perché il 17 maggio del 1990 l’Organizzazione mondiale della sanità ha finalmente deciso di rimuovere l'omosessualità dalla lista dei disturbi mentali presenti nella classificazione internazionale delle malattie. Come emerge dall’ultimo rapporto di Arcigay su questo argomento, negli ultimi 12 mesi nel nostro Paese le vittime per cause ascrivibili all’omolesbobitransfobia sono state superiori agli anni precedenti: 3 suicidi e 3 omicidi solo nell’ultimo anno. Una delle vicende che ha colpito di più l’opinione pubblica è il suicidio di Cloe, insegnante trans che nel giugno 2022 si è data fuoco nel camper in cui viveva, esasperata dall’odio e dalle vessazioni. Una tragedia simile si è ripetuta poi con Chiara, una ragazza trans di appena 19 anni. (https://www.arcigay.it/.../Report-omotransfobia-2023...) Vogliamo quindi ancora una volta sensibilizzare la cittadinanza e invitare tutti e tutte a partecipare alle iniziative di Arcigay Livorno e AGEDO Toscana alle ore 17 presso Surfer Joe Livorno Mare. #17maggio #Livorno #IDAHOBIT

Visualizza tutti

Altre pagine (12)

  • M5S Livorno livorno5stelle

    6 minuti fa 2 min SU Il Tirreno: LA NOSTRA RISPOSTA A TORNAR . Leggiamo su IlTirreno, con un certo stupore, l’intervista a Daniele Tornar, consigliere comunale appena fuoriuscito dal gruppo PD.... 0 visualizzazioni Post non contrassegnato con Mi piace LIVORNO5STELLE LA NOSTRA STORIA qui trovi la storia del M5S a Livorno ATTIVITÀ IN CONSIGLIO COMUNALE qui trovi le nostre mozioni e interpellanze ATTUALITÀ qui trovi le notizie per la città SCRIVI LA TUA INTERPELLANZA Il M5S la presenterà per te in consiglio Comunale Nome e cognome Email Quesito INVIA Grazie! Ti informeremo sull'esito della tua interpellanza! Segnalazioni dai Cittadini 7 mag 1 min SEGNALAZIONI DAI CITTADINI PIAZZA MAZZINI IN TESTA ALLA CLASSIFICA SPAZZA-TOUR 42 4 Più di un Mi piace. Post non contrassegnato con Mi piace 4 7 mag 1 min SEGNALAZIONI DAI CITTADINI VIA DELLA BASSATA ENTRA NELLO SPAZZA-TOUR 50 4 Più di un Mi piace. Post non contrassegnato con Mi piace 4 2 mag 1 min SEGNALAZIONI DAI CITTADINI SPAZZA-TOUR IN VIA DEL MARE 16 2 Più di un Mi piace. Post non contrassegnato con Mi piace 2 COMUNICATI STAMPA MOVIMENTO 5 STELLE LIVORNO

  • IL CANTIERE DELLE TERME DEL CORALLO

    < Back IL CANTIERE DELLE TERME DEL CORALLO M5S LIVORNO 21 lug 2022 Il M5S Livorno è molto soddisfatto di aver assistito finalmente all’apertura del cantiere alle Terme del Corallo ed è orgoglioso del fatto di aver creduto per primo in questo progetto e soprattutto di aver consentito la sua realizzazione, mettendolo nero su bianco e candidandolo al Bando per le Periferie Urbane nel 2016. Il M5S a Livorno ha aperto la strada alla collaborazione fra cittadini ed istituzioni attraverso l’approvazione all’unanimità da parte del Consiglio comunale del Regolamento per l’Amministrazione condivisa dei beni comuni, avvenuta nel 2017 dopo mesi di confronti con le associazioni, gli uffici tecnici, le altre forze politiche: un confronto reso possibile grazie al lavoro di funzionari comunali competenti e appassionati come Massimo Mannoni. Tutto ciò ha portato al patto di collaborazione con le associazioni Reset e Terme del Corallo Onlus che da tempo chiedevano di potersi occupare della cura delle Terme del Corallo, un bene storico dall’incalcolabile valore architettonico che da troppo tempo rischiava di cadere letteralmente a pezzi. Si è creata così quell’alleanza fra cittadini volontari ed istituzioni che permane tuttora. Non è stato semplice all’inizio creare le condizioni per la realizzazione di questo patto: si trattava di una strada totalmente innovativa che, a partire dall’esperienza del Comune di Bologna, si stava iniziando a percorrere in diversi comuni italiani, ma che veniva prioritariamente intrapresa per beni comuni di semplice gestione come aiuole e piccoli spazi verdi. Quello delle Terme del Corallo era invece un patto di collaborazione definito “complesso”, perché interessava un bene architettonico di grande valore, vittima di altrettanta incuria, con tutti i rischi e i fardelli burocratici annessi che non stiamo qui a rappresentare per brevità. Tant’è che alla fine, dopo la benedizione unanime del Consiglio comunale, si arrivò alla sottoscrizione del patto di collaborazione fra il Comune e le due associazioni Reset e Terme del Corallo Onlus nel 2018, che ha consentito alle due realtà associative di prendersi materialmente cura di questo bene comune, aprendolo finalmente alla cittadinanza con eventi che la città ricorda per il loro valore, con visite guidate che hanno coinvolto scuole, turisti, altre realtà associative e ha consentito a tantissimi cittadini livornesi di riappropriarsi di questo bene. Un lavoro prezioso di cui la città continuerà a rendere merito ai tanti volontari di queste associazioni che non ringrazieremo mai abbastanza per tutto ciò che hanno fatto. Nel 2018 è stato poi ottenuto il finanziamento di 2,2 milioni di euro del Bando delle Periferie Urbane, consentendo il concreto avvio di un percorso, la realizzazione di un sogno di tanti cittadini livornesi. Nell’agosto 2018 la Giunta Nogarin ha approvato il progetto definitivo con annesso finanziamento statale e da qui arriviamo all’apertura del cantiere nel luglio 2022. Abbiamo dovuto aspettare quindi ben 4 anni per assistere all’avvio di questi lavori, ma la nostra gioia rimane tale. Grazie alla scelta strategica dell'Amministrazione M5S nel 2019 di inserire nel nuovo Piano Strutturale urbanistico cittadino la possibilità dell'abbattimento del cavalcaferrovia e della progettazione del sottopasso saranno attuabili i rispettivi progetti di opera pubblica e la ricerca dei relativi finanziamenti. Tutto ciò potrà consentire la migliore fruizione del nostro gioiello Liberty e l’attuazione del bellissimo progetto degli Uffizi al Mare. Ci aspettiamo che l’attuale Amministrazione porti avanti questo progetto con la determinazione e la capacità amministrativa necessaria ed in tempi più celeri, affinché si possa passare dalla narrazione agli atti e ai finanziamenti veri e, quindi, ai fatti. Di soldi per buttare giù il cavalcaferrovia ce ne vorranno molti e servirà un lavoro altrettanto importante, che non deve essere dato per scontato, per la realizzazione dell’ambizioso progetto degli Uffizi al Mare. Intanto, quando saranno terminati i lavori avviati qualche giorno fa, la città si riapproprierà della bellissima Sala della Mescita, con destinazione a sala polifunzionale per convegni e esposizioni temporanee. Si riapproprierà del giardino storico e sarà permessa la fruizione completa degli spazi aperti del complesso. Un grande risultato che incredibilmente anche il sindaco Salvetti non ha potuto fare a meno di riconoscere ed attribuire all'amministrazione del Movimento 5 Stelle. Movimento 5 Stelle Livorno Previous Next

  • LE MINACCE DI GIANI AI LIVORNESI LIBERI CITTADINI

    < Back LE MINACCE DI GIANI AI LIVORNESI LIBERI CITTADINI Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle 10 lug 2022 Le minacce di Giani ai livornesi ci lasciano esterrefatti. Il messaggio che il Governatore della regione ha voluto trasmettere è che “senza nuovo ospedale al Parco Pertini” i livornesi dovranno per forza ricorrere a Cisanello dove, lascia intendere, potrebbe pure dirottare i fondi regionali ora destinati al nuovo ospedale di Livorno. Questo ci lascia veramente basiti. Anche se si tratta dello stesso Giani che parlava di carri armati per imporre un gassificatore (o un mega inceneritore) su un territorio toscano a sua scelta, noi ci aspettiamo sempre qualcosa di più, o qualcosa di meno ingiusto e arrogante da parte di chi dovrebbe rappresentare i cittadini in una istituzione importante come la Regione Toscana. Ed invece ci troviamo sempre allo stesso atteggiamento supponente e profondamente allergico alla democrazia al quale Giani sta tentando di farci abituare. Noi però rifiutiamo di abituarci ad un simile livello di falsità nei confronti dei cittadini e ci limiteremo a ristabilire alcuni elementi di verità: si vuol far passare la narrazione che i proponenti del referendum dicano di no a qualsivoglia progetto e in questo modo dicano no anche a delle importanti risorse pubbliche! Questo è evidentemente falso perché il comitato ha dichiarato a più riprese che la sua posizione è quella di un nuovo ospedale all’interno del perimetro dell’attuale, senza ulteriore consumo di suolo e quindi salvaguardando l’intero Parco Pertini. Ricordiamo poi che il referendum senza quorum, massimo strumento della partecipazione democratica, è previsto dallo Statuto del Comune a seguito di una importante modifica avvenuta durante la precedente amministrazione con voto unanime (quindi anche con il voto del PD, incluso Caruso, e degli attuali assessori Cepparello e Raspanti, all’epoca consiglieri di opposizione). Il PD sta rinnegando sé stesso? O avrà la forza di farsi sentire dal Sindaco che sostiene che “i giochini dei referendum hanno l’unico scopo di fare opposizione dell’amministrazione”? Infine anche dal Sindaco ci aspetteremmo un atteggiamento di maggiore maturità politica e non sempre le solite polemiche da tifoseria, della serie “o con me o contro di me”. Il referendum non è un “giochino” ma uno strumento di democrazia diretta da tenere nella massima considerazione. Previous Next

Visualizza tutti
bottom of page