LA NOSTRA STORIA A LIVORNO

DAGLI ESORDI ALLA VITTORIA DEL COMUNE DI LIVORNO

Nel 2005 esordisce il blog beppegrillo.it, nell’ottobre dello stesso anno sul social network “MeetUp” nascono in tutta Italia gruppi di amici di Beppe Grillo, anche Livorno ha il suo: il MeetUp 107 “Grilli Labronici“; da allora ha portato avanti battaglie sociali, per la libera informazione, ambiente, energia, democrazia partecipata.

I Grilli Labronici hanno partecipato nel 2007 al Vday raccogliendo 3500 firme in un solo giorno (su 350.000 complessive) per le tre iniziative di legge popolare conosciute come Parlamento Pulito (no condannati in parlamento, massimo due legislature, elezione diretta), che a distanza di ormai 4 anni continuano ad essere ignorate dalle due Camere.

L’8 marzo 2009 i MeetUp stilano la “Carta di Firenze”: attorno a cinque temi, le 5 stelle (Acqua, Ambiente, Trasporti, Sviluppo, Energia) nasce il programma con il quale presentarsi alle elezioni dell’anno successivo con liste certificate da Beppe Grillo 5 stelle.

Nella tornata amministrativa del giugno 2009 i Grilli Labronici non riescono a formare una lista autonoma, così alcuni grillini vengono candidati nella lista civica Città Diversa, che ottiene così le cinque stelle; nessun esponente grillino viene però eletto.

Il 4 ottobre 2009 nasce però a Milano al Teatro Smeraldo il Movimento Cinque Stelle, la principale novità politica di questi ultimi anni; a distanza di un anno, a seguito del Woodstock di Cesena nasce pure a Livorno, un gruppo che comincia a farsi le ossa con il referendum contro lo spostamento dell’ospedale, e l’anno successivo con la campagna referendaria su nucleare, acqua pubblica e legittimo impedimento.

 

A maggio 2011 nasce il blog livorno5stelle.it – abbiamo profili sui principali social network e su Facebook abbiamo un gruppo che si richiama all’esperienza del MeetUp (che come tale abbiamo abbandonato a fine 2010).

Lavoriamo in rete con le altre realtà toscane, e non solo. Completamente estranei alle tradizionali logiche di partito non siamo né di destra né di sinistra, non crediamo nelle ideologie ma in idee che vogliamo concretizzare.

Per noi la politica deve essere come il servizio civile e può rimanere un’attività nobile e socialmente utile solo se resta senza denaro o con il solo necessario, per chi entra nelle istituzioni, per vivere normalmente.

Fedina penale pulita, programma redatto tramite sodaggi tra i cittadini, due mandati al massimo, no a doppi incarichi, trasparenza e dimissioni degli eletti in caso di perdita dei requisiti necessari per le liste del Movimento. Queste sono solo alcune delle caratteristiche che ci distinguono da TUTTI gli altri partiti.

Nel 2014 il M5S presenta il suo candidato sindaco che ottiene al primo turno il 19% dei voti consentendogli di andare al ballottaggio. Al secondo turno, il M5S vince le elezioni con il 53% dei voti e Filippo Nogarin diviene sindaco.

Le sue prime parole sono «Abbiamo vinto siamo riusciti a scardinare un potere che affliggeva Livorno da settant'anni. Questa città è meravigliosa. Sono commosso»

Nogarin ha poi promesso una frattura di quel «colossale inciucio» e di «rete clientelare» che si è creata in città favorita da un potere (quello della sinistra) mai messa in discussione e un ricambio assoluto della classe dirigente.

Qui sotto trovate molte delle questioni che sono state promosse e difese in cinque anni di amministrazione.

Il M5S Livorno, nonostante tutto, è ancora qui e ha ancora da dire la sua.

2014 - 2019 CINQUE ANNI DI AMMINISTRAZIONE 5 STELLE PER CAPITOLI